Come si esce dalla Cina?

  • Autore dell'articolo:

Avete presente quando andate a fare dei documenti? Tutte quelle trafile, code, attese, fogli “che ne manca sempre uno”, informazioni sbagliate, ritornare 10 volte in uno stesso posto solo per farsi mettere un timbro, la persona che “torna subito sta prendendo un caffè”.

Ecco, fare i documenti per l’esportazione del cane è una scocciatura simile, ma con meno passaggi da fare in maniera tempestiva. Nei miei due casi, Orso e Seba, le ansie che non mi facevano dormire la notte erano i tempi ristretti del primo, per cui anche un singolo errore o ritardo mi avrebbe scombinato tutto, la pandemia per il secondo. Per una volta che mi muovevo in anticipo e rientravo perfettamente nei tempi, senza ansie e tensioni, non va a comparire una pandemia che paralizza il mondo? E così è cominciata la Sebasseide.

Se siete in Cina e decidete di rimpatriare con il cane (o il gatto le regole sono più o meno le stesse), qui sotto trovate delle indicazioni su cosa fare. Già da subito vi dico che il tempo totale necessario per fare tutto è di 4/5 mesi (se va tutto liscio), per cui muovetevi per tempo, anche un anno prima, per evitare di arrivare con l’acqua alla gola e le occhiaie al mento.

  1. MICROCHIP

Fatelo subito, appena il cane compie 12 settimane, non serve solo per l’export, ma è fondamentale per prendere la “dog license”, un documento per certificare che il cucciolo è tuo, e che in Cina è fondamentale per andare in giro in sicurezza.

Meglio fare il microchip in ospedali ufficiali come lo Shenpu (申浦) così da avere da subito il libretto statale valido, dove potrete segnare anche i vaccini.

Per fare il microchip dovete portare il vostro passaporto e il cane.

Il costo è circa 300 RMB. I microchip potrebbero essere vecchi o illeggibili per gli stadard europei, per cui fate una foto del microchip e del numero letto dalla macchinetta.

  1. VACCINO ANTI-RABBIA

Si può fare in tutte le cliniche, ma per l’esportazione vale SOLO l’anti-rabbica dello Shenpu, quindi vi consiglio di farla direttamente lì.

Il cane deve avere almeno 16 settimane per poterlo fare.

Vi consiglio di fare come abbiamo fatto noi: quando il cane ha 16 settimane, andate allo Shenpu e fate microchip e anti-rabbica allo stesso tempo.

Il costo è di 80 RMB circa.

  1. ANALISI DEL SANGUE

Sono fondamentali per misurare gli anticorpi dell’antirabbica e sono da fare dopo 30 giorni dal vaccino.

Ci sono due modi per fare le analisi:

  • Fai da te, cioè senza un mediatore, costa circa 600 RMB, ma bisogna avere la pazienza di avere a che fare con la burocrazia cinese e soprattutto bisogna saper parlare cinese, perché bisogna inviare le analisi a dei laboratori autorizzati e richiedere altri documenti… Sinceramente non lo so bene nemmeno io, perché ho scelto la seconda opzione.
  • Tramite clinica: costa 1500 RMB ma è più comodo e sicuro e di solito i risultati sono dati da un laboratorio straniero, e quindi più facilmente accettati nelle dogane estere.

I risultati delle analisi impiegano dalle due settimane al mese per arrivare: ovviamente quelle di Seba hanno impiegato un mese.

IMPORTANTE

I vaccini anti-rabbia e le analisi del sangue valgono circa un anno. Il valore degli anticorpi deve essere di 0.5 IU/ml e il cane potrebbe non passare. Per esempio, Seba ha fatto le analisi del sangue 10 mesi dopo l’antirabbica e non aveva abbastanza anticorpi, quindi abbiamo dovuto rifare l’anti-rabbica e le analisi del sangue, ritardando tutto il processo di altri due mesi: un mese passato tra vaccino e analisi, un mese per ricevere i risultati delle analisi.

DA QUANDO SI RICEVONO I RISULTATI POSITIVI DELLE ANALISI DEL SANGUE DEVONO PASSARE TRE MESI PERCHÈ IL CANE POSSA VOLARE

Dopo aver fatto questi primi tre passaggi fondamentali ci sono due ulteriori passi da fare:

  1. DOCUMENTI DI ESPORTAZIONE

Sono da fare esattamente una settimana prima della partenza e vanno fatti esclusivamente nella clinica statale, lo Shenpu, in caso ci si trovi a Shanghai.

Cosa portare per fare i documenti di esportazione:

  • Il cane
  • Passaporto (due copie)
  • Biglietto aereo (due copie)
  • Libretto dei vaccini (sempre meglio portare due copie)
  • Risultati delle analisi del sangue (due copie)
  • Circa 900 RMB in contanti

Dopo aver visionato cane e documenti, viene consegnato un foglio per il ritiro dei risultati (DA NON PERDERE!).

  1. RITIRARE I DOCUMENTI ESPORTAZIONE

Due giorni prima del volo recarsi al terzo piano del Customs Office al Bund a ritirare i documenti.

Indirizzo: 13 Zhong Shan Dong Yi Road, close to Fuzhou Road (中山东一路13号, 南京东路). Controllate gli orari e CONTROLLATE ATTENTAMENTE I DOCUMENTI per fare correggere eventuali errori.

Al di là della burocrazia, ci sono tante altre piccole cose a cui bisogna stare attenti e per cui bisogna preparare il cane. Seba per esempio non era mai stato in un trasportino. Sia per lui che per Orso ho dovuto comprarlo con largo anticipo e ho iniziato ad abituarli piano piano, mettendo coperte dentro, mettendo anche la ciotola del cibo e dandogli dei premietti quando entravano di propria sponte. Gradualmente ho poi iniziato a chiuderli dentro, prima per un periodo breve e poi per un periodo sempre più prolungato. Orso si è abituato subito a questa specie di cuccia coperta, mentre Seba no, e dopo la Sebasseide, non ho più avuto il cuore di rimetterlo dentro un trasportino.

NOTA BENE: assicuratevi che il trasportino che acquistate sia certificato IATA, altrimenti non sarà accettato all’imbarco; inoltre il trasportino deve essere abbastanza grande perché il cane possa stare in piedi, seduto, sdraiato e girarsi su se stesso.

Se avete un cane che, insieme al peso del trasportino, rientra negli 8kg, potete viaggiare tranquilli in cabina, se il cane invece supera il peso di 8kg (sempre calcolando anche il peso del trasportino) allora dovrà viaggiare in stiva.

In ogni caso, cercate di prendere un volo diretto, in modo da non stressare il cane che si vedrebbe sballottato tra mani sconosciute, e informatevi bene sulle policy sul trasporto animale delle compagnie aeree: ognuna è diversa e ci sono delle razze che non vengono prese a bordo, nemmeno in stiva. Orso e io abbiamo preso un diretto con AirChina e devo dire che ci siamo trovati molto bene, la stiva era illuminata e la temperatura controllata.

Il giorno della partenza, arrivate in aeroporto con circa 3 ore di anticipo, perché oltre il biglietto aereo del cane, che già avete, si dovrà pagare una FEE per i bagagli speciali, che purtroppo non si può pagare in anticipo. Io non lo sapevo e se non ci fosse stato il mio coinquilino ad aiutarmi avrei perso l’aereo. Portate il cane a fare un’ultima passeggiata prima dell’imbarco e togliete dal trasportino tutto ciò che potrebbe fargli male (pettorina, guinzaglio, collare, giocattoli), lasciate solo l’acqua.

All’arrivo andate a ritirare il cane nella sezione dei bagagli speciali, superate la dogana e dategli un bell’abbraccione felice, ce l’avete fatta, e non lo farete mai più!

Il viaggio di un cane in stiva è traumatico tanto per il cane quanto per l’umano, che è in ansia costante: io, almeno, sussultavo a ogni suono e immaginavo scenari di cani tremanti, ululanti e abbaianti che si accucciavano spaventati a ogni rumore che sentivano.

Per quanto mi riguarda non credo che porterei mai più un cane in aereo, a meno che creino un aereo di cani, su cui poterselo portare in cabina, e consiglio chi legge di evitare di far fare un volo, lungo o corto che sia, al suo cane, a meno che sia strettamente necessario.

L’esperienza di volo, soprattutto in stiva, non è fatta per i cani, altrimenti non avrebbero avuto solo 4 zampe, ma anche 2 ali.

Lascia un commento