Martina

L’umana che scrive e trascrive i racconti.

Martina ha 33 anni e dopo aver passato infanzia e adolescenza tra Roma e dintorni, a 23 anni decide di andare in Cina, per approfondire la lingua cinese, di cui l’università le ha dato solo un’infarinatura. Scelte di vita e opportunità hanno fatto sì che rimanesse in Cina per i successivi 10 anni.
Nel 2018 è stata trovata da uno scricciolo minuscolo e morbidoso e se l’è portato a casa.
Da quel momento la sua vita è cambiata, con un nuovo senso di amore e responsabilità verso un altro essere vivente.

Nel 2020, senza sospettare l’avanzare disastroso della pandemia, si è trasferita in Italia e ha portato con sé il suo scricciolino amoroso, Seba.

A luglio poi ha adottato una cagnetta campagnanese, Nara, una bellissima mix labrador tutta nera, aggiunta stupenda ed essenziale alla famiglia.

Martina Cosolo

Seba

Uno dei narratori.

Un cane cinese puro: senza razza, senza pedigree, solo bellissimo.

Dopo un difficile parto per strada, la mamma di Seba è stata trovata da una ragazza cinese con un cuore d’oro a forma d’osso, che ha portato lei e tutti i 7 cuccioli in una clinica lì vicino.
Martina è entrata in contatto con la ragazza, che le ha mandato le foto dei cuccioli.

Subito si è innamorata del più piccolo e strabico della cucciolata, e quando è andata a trovarli, lo ha riconosciuto immediatamente, perché era quello traballante, rimasto indietro.

Da lì è stato amore: il 2 dicembre 2018 Seba è entrato a casa dell’umana e, nonostante qualche periodo di separazione, non si sono più lasciati.

Seba

Nara

Nara è la new and last but not least entry della famiglia. Facendo da stallo a un altro cane salvato dal macello cinese, Martina si è resa conto di quanto fosse bello e felice per Seba avere un compagno con cui potesse comunicare allo stesso modo, per cui si è decisa a prendere un altro cane, femmina, ma solo dopo essere tornata in Italia.

Ha conosciuto tramite amici di amici, la Fondazione Prelz ONLUS, canile e pensione di Campagnano per cani e gatti. Dopo alcuni mesi di volontariato con loro, ha visto sul loro sito www.amiciconlacoda.com la foto di Nara, che a quel tempo si chiamava Nicole, e se n’è innamorata. La ragazza addetta alle adozioni l’ha subito avvisata che non era una cagnetta socializzata né facile, ma Martina non ha desistito. Per due mesi è andata al canile una o più volte a settimana, per socializzare con la cagnetta impaurita, e dopo essersi sistemata in una casa definitiva con giardino l’ha portata con sé. Dal 5 luglio 2020 Nara sta vivendo la sua nuova vita in famiglia, si sta piano piano abituando alle interazioni con esseri umani ed è ormai diventata l’ombra di Martina.

Nara