Spiaggia dell’Innamorata

  • Autore dell'articolo:

Dieci minuti a piedi dall’appartamento di Villa Paolina che avevamo preso in affitto, di trova la Spiaggia dell’Innamorata: una bellissima spiaggia riparata dai venti e dalle correnti, in parte libera e in parte occupata da stabilimenti attrezzati.

La spiaggia è molto grande (280m di lunghezza per 30m di larghezza) ed è vicina a diversi siti escursionistici, come le Miniere di Ferro o le Isole Gemini, raggiungibili tramite canoe o pedalò, e se avete un buon fiato, anche a piedi, per questo è quasi sempre piena di gente.

Noi siamo andate sul tardi, verso l’ora del tramonto, che è mozzafiato visto dalla spiaggia: si vede benissimo il sole che si tuffa come una palla infuocata nel mare.

Se andate di giorno con i cani rimanete nella parte attrezzata, altrimenti attrezzatevi con ombrelloni o tende, perché non c’è molta copertura.

C’è solo un ingresso alla spiaggia, che è quello che passa dal parcheggio, siamo entrate da lì e abbiamo passeggiato fino all’estremità di destra, dove ci siamo fermate in un semicerchio si scogli, in cui non c’era nessuno e ho potuto lasciare i cani liberi, altrimenti come succede su quasi tutte le spiagge dell’Isola, i cani sono ben accetti, ma solo al guinzaglio.

Una leggenda romantica e tragica allo stesso tempo dà il nome alla spiaggia: due giovani innamorati, Lorenzo e Maria, solevano rifugiarsi su questa spiaggia, per nascondersi dalle famiglie, contrarie al matrimonio tra i due. Il 14 luglio del 1534, Lorenzo è stato assalito e trascinato a bordo del vascello del pirata Barbarossa, nel tentativo di salvarlo, Maria si gettò in mare scomparendo tra i flutti. Soltanto il suo scialle venne ritrovato su di uno scoglio, denominato da allora la Ciarpa. Ogni 14 luglio si può assistere alla rievocazione della storica leggenda dei due innamorati: una spettacolare fiaccolata che vede la grandiosa sfilata di cento figuranti in abiti cinquecenteschi.

Continua a leggere del nostro viaggio!

 

Lascia un commento